NUOVO ACCORDO SINDACALE PER GLI OPERATORI D’AIUTO

BBBBB

 

 

 

Oggi, lunedì 28 novembre è stato sottoscritto un nuovo accordo sindacale nazionale che regolamenta le collaborazioni coordinate e continuative per gli operatori d’aiuto.

L’intesa è stata sottoscritta con il sindacato UIL Federazione Poteri Locali, tra i firmatari del contratto nazionale delle cooperative sociali e dei settori collaterali di assistenza socio sanitaria.

L’accordo integra alcuni aspetti significativi del precedente contratto.

In particolare:

  • il regime retributivo giornaliero e mensile
  • la prestazione del servizio in convivenza
  • la costituzione di un ente bilaterale
  • la stabilizzazione occupazionale

L’aver regolamentato i valori forfettari giornalieri e mensili, permette di rispondere al meglio alla fortissima domanda di assistenza prolungata proveniente dalle famiglie e aumenta le occasioni di lavoro degli operatori d’aiuto e il relativo reddito.

Per tali condizioni è stato regolamentato anche il regime di convivenza presso l’abitazione dell’assistito e le relative condizioni di vitto e alloggio e gli aspetti di cambio temporaneo del domicilio.

La novità assoluta in ambito alle forme mutualistiche regolamentate bilateralmente tra lavoratori e imprese nei vari contratti collettivi è la previsione di fornire prestazioni anche alle famiglie/clienti.

Per la prima volta si permette ai soggetti che beneficiano dei servizi di assistenza di entrare nel sistema contrattuale, beneficiando di servizi e convenzioni.

Tutto ciò è stato possibile per le peculiarità del settore ma anche per il ruolo di rappresentanza che Professione in Famiglia ha avuto nella negoziazione e nella stesura del contratto.

Il punto di maggiore interesse per i lavoratori è la stabilizzazione occupazionale.

L’accordo prevede il diritto di precedenza per gli operatori d’aiuto che abbiano avuto un rapporto di collaborazione di almeno due anni in azienda , per accedere nell’organico dell’impresa come lavoro stabile.

In sostanza, qualora l’azienda dovesse sostituire o incrementare l’organico, dovrà preventivamente chiedere la disponibilità all’operatore d’aiuto permettendole di accedere a corsi professionali di specializzazione.

L’accordo prevede infine specifici momenti di confronto aziendale, interaziondale e/o territoriale per il perfezionamento applicativo dell’accordo.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...