Professione in Famiglia aderisce ad AGCI

A seguito di un lungo e proficuo rapporto di collaborazione con l’Associazione Generale Cooperative Italiane (AGCI), Professione in Famiglia ha richiesto e ottenuto la domanda di adesione.

Una valutazione congiuntamente condivisa che permette di coniugare la rappresentanza di famiglie bisognose di assistenza e imprese che, per vocazione, si dedicano al sociale.

Sempre più il bisogno di assistenza della persona ricerca soluzioni che il welfare pubblico non riesce a garantire pienamente. È il caso dell’assistenza di ausilio, lasciato alla solitudine delle famiglie e risolto con affanno da lavoratrici domestiche, non sempre adeguatamente formate.

Si tratta quindi di agire su diversi fronti, dalla possibilità di poter detrarre fiscalmente l’intero costo dell’assistenza di ausilio, garantire una gamma di interventi di supporto alla persona (soprattutto se non più autosufficiente), portare a positiva sintesi territoriale l’insieme degli interventi assistenziali, qualificare le professionalità superando l’emarginazione culturale che vede ancora sottovalutato questo tipo di servizio, relegandolo al lavoro nero e allo sfruttamento.

Lo stretto rapporto tra Professione in Famiglia e AGCI potrà sicuramente fornire utili spunti per affrontare tale problema riorientando il settore verso i nuovi bisogni e le attese di milioni di famiglie.

Le due associazioni sono consapevoli di assolvere un ruolo di rappresentanza distinta, non sovrapponendo i rispettivi ambiti contrattuali ma rendendoli complementari.

È il caso dell’accordo sindacale sottoscritto da Professione in Famiglia che regolamenta la figura dell’operatore d’aiuto in cococo, non contemplato dal ccnl cooperative sociali.

L’iscrizione di PF all’AGCI ha quindi lo scopo di fornire una maggiore garanzia e tutela per le oltre 600 imprese cooperative che forniscono servizi di assistenza domiciliare direttamente alle famiglie. Il progetto congiunto per contrastare il lavoro nero e irregolare negli ospedali è un chiaro esempio di come agire in difesa della corretta competizione tra imprese, di combattere il lavoro nero e lo sfruttamento delle lavoratrici e di garantire servizi qualificati alle famiglie.

E’ sicuramente positivo che AGCI abbia dedicato un particolare interesse a questo segmento di imprese, riconoscendone una specifica peculiarità.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...