Coronavirus e lavoro domestico

In Italia lavorano circa 900.000 domestici regolari e altrettanti in nero.

Come si deve comportare il datore di lavoro?

Quali diritti per i lavoratori?

Elenchiamo alcune domande e risposte più frequenti

Il domestico può essere sospeso dal servizio?

Il ccnl non prevede la forma di sospensione dal servizio ma solo permessi non retribuiti e periodi di ferie concordati. In caso di sospensione richiesta dal datore di lavoro, il domestico ha diritto di percepire regolarmente lo stipendio. I permessi retribuiti sono previsti solo per visite mediche. Le modalità concordate dovranno essere formalizzate per iscritto.

Nel caso in cui il datore di lavoro o sui familiari residenti nello stesso domicilio, fossero messi in quarantena, il domestico come dovrebbe essere trattato?

In questo caso anche il domestico entrerebbe in quarantena con la sospensione dal lavoro. È allo studio la possibilità che anche il periodo di quarantena venga considerato come malattia. In tal caso si precisa che i domestici non hanno indennità di malattia. Il ccnl prevede la conservazione del posto di lavoro e il pagamento dello stipendio a carico del datore di lavoro all’anzianità di servizio:

6 mesi di anzianità                 10 giorni di conservazione     8 giorni retribuiti

6/24 mesi di anzianità           45 giorni di conservazione     10 giorni retribuiti

6 mesi di anzianità                 180 giorni di conservazione   15 giorni retribuiti

Il domestico in convivenza può uscire da casa?

Si. Al lavoratore non può essere impedita l’uscita dal luogo di lavoro ma, su sua responsabilità, dovrà dimostrare che sta circolando per i motivi ammessi dal decreto sicurezza.

Nel caso in cui il domestico esca per svolgere mansioni previste dal lavoro, dovrà dimostrarlo in caso di controllo. In tal caso, il datore di lavoro dovrà rilasciare una dichiarazione al domestico in cui sia contenuto l’indirizzo del lavoro e il recapito telefonico del datore di lavoro, quello di dove si reca e la motivazione dello spostamento (es. spesa).

Qualora il domestico si trovasse in luoghi o percorsi differenti da quelli indicati, la responsabilità ricade sul medesimo.

Quali misure di sicurezza sono a carico del datore di lavoro?

La legge prevede che il datore di lavoro è responsabile della salute e la sicurezza dei lavoratori.

Nel caso di lavoro domestico è a carico del datore di lavoro dotare il domestico di tutte le precauzioni per evitare di contrarre o trasmettere il virus (mascherine, guanti e disinfettanti).

Qualora queste precauzioni non venissero adottate e il domestico contraesse il virus dimostrando di averlo contratto all’interno del posto di lavoro senza le adeguate precauzioni, il datore di lavoro potrà essere chiamato a risponderne.

Nel caso in cui il domestico manifestasse i sintomi da coronavirus o dimostrasse di aver contratto il virus nel luogo di lavoro, come ci si deve comportare?

in caso di sintomatologia occorre immediatamente avvisare il medico personale del domestico e/o quello del datore di lavoro perché vengano prese tutte le precauzioni del caso, ivi compresa la quarantena di tutti i componendi del nucleo familiare ivi presenti.

Nel caso in cui il domestico avesse contratto il virus, dimostrando la causa dal luogo di lavoro (convivenza), è nostro parere che possa rientrare tra le cause riconducibili all’infortunio sul lavoro, per il quale il domestico è coperto dall’Inail.

In forza della particolare situazione di generale sospensione dal lavoro, potrebbero venir meno le motivazioni di lavoro domestico. Come deve comportarsi un datore di lavoro?

Il consiglio che forniamo è quello di utilizzare tutti i giorni necessari di ferie maturati, concordare un periodo di permesso non retribuito o retribuito recuperabile quando finirà la situazione di emergenza.

In altri casi è possibile operare il licenziamento per giusta causa. In tal caso il domestico potrà beneficiare della disoccupazione e del periodo di preavviso che, se non lavorato, dovrà essere pagato.

Nel caso di lavoro domestico non in convivenza, come si deve comportare il datore di lavoro?

In questo caso, il domestico si troverà nella situazione di spostamento per motivi di lavoro.

Il datore di lavoro dovrà rilasciare una dichiarazione al domestico da esibire in caso di controllo.

La dichiarazione dovrà contenere il rapporto di lavoro instaurato, i giorni e l’orario previsto, l’indirizzo del luogo di lavoro e il recapito telefonico del datore di lavoro.

Quali interventi sono previsti a sostegno dei domestici e dei loro datori di lavoro?

Allo stato attuale non sono previsti interventi a sostegno del settore, così come non è prevista la sospensione dei lavori domestici.

Se il domestico non lavorasse in regola, quali sanzioni sono previste?

Oltre alle sanzioni previste contro il lavoro nero, la particolare situazione potrebbe sicuramente peggiorare la condizione per il datore di lavoro per l’inosservanza delle norme di emergenza nazionale.

Qualora il domestico svolgesse la prestazione presso ospedali o strutture residenziali, può continuare la propria prestazione?

In questi casi occorre verificare le regole della struttura e verificare le modalità e il diritto all’accesso.

Nel caso di impossibilità occorrerà definire e concordare formalmente il periodo di sospensione. In assenza di accordo dovrà essere garantita la sua retribuzione.

Il lavoratore domestico può essere assunto durante il periodo di quarantena?

Il decreto del Governo non prevede la sospensione del lavoro domestico.

Questo comporta la possibilità di assumere un domestico anche durante la quarantena.

Obbligo del datore di lavoro dotare il domestico di tutti gli accorgimenti di sicurezza (mascherina, guanti, ecc.).

Il domestico dovrà essere messo al corrente che entrerà anch’egli in quarantena.

2 pensieri su “Coronavirus e lavoro domestico

  1. Sono lavoratore domestico !! Sto a casa in quarantena!!o un figlio disabile e genitori di 76 e 80 anni mi piacerebbe sapere si mi corrisponde il stipendio io sto in regula

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...